Blog

Latest News
Storia Air Jordan Sneaker

Storia Air Jordan Sneaker

Michael Jeffrey Jordan, storia Air Jordan sneaker, Chicago Bulls.

Quando pensiamo a una di queste tre semplici parole è impossibile non collegare anche le altre due.

Se pensiamo a Michael Jordan non si può non pensare agli anni del predominio dei Chicago Bulls degli anni ’90 e alle sneakers più iconiche sia per quanto riguarda le scarpe su un campo da basket che fuori dal parquet della NBA. Queste tre parole rappresentano la storia e sono legate tra loro in modo indissolubile.

Sia che siamo fan di lunga data della NBA o che ne abbiamo solo sentito parlare, conosciamo tutti Michael Jordan.

Definito da molti il miglior giocatore di basket di tutti i tempi, ha influenzato la vita di quasi tutto il mondo. Per alcuni è diventato un idolo, un modello, un obiettivo, per altri nulla di tutto ciò, forse pensano a MJ solo quando cercano di fare canestro con una pallina di carta in un cestino, e tra loro sussurrano: “Michael Jordan”.

La storia di Michael Jordan e delle sue famose Air Jordan

Michael Jordan ha segnato la storia della pallacanestro, diventando lui stesso storia, mostrando cose mai viste prima, ha segnato la storia anche come icona, un’icona di stile e le sue scarpe hanno segnato la storia delle sneakers diventando un simbolo.

Oggi parleremo di una delle cose che Michael Jordan ha creato assieme a una delle case di sneakers più famose al mondo: “C’era una volta un paio di Jordan…”

storia Air Jordan sneaker

Michael Jordan e l’accordo con Nike

La storia d’amore tra la casa sportiva di Beaverton, nell’Oregon, e la superstar dei Chicago Bulls non fu sempre facile e non ebbe un inizio così tranquillo.

Le vicende le conosciamo bene, il giovane Michael voleva firmare a tutti costi con Converse o Adidas, ma i due brand non erano disposti a rischiare tutto su un giocatore che doveva ancora dimostrare chi era.

Converse aveva già sotto contratto i principali giocatori NBA dell’epoca, da Magic Johnson a Larry Bird, da Julius Erving a Bernard King. Adidas all’epoca vestiva i campioni di sport individuali come il tennis, e neanche lei era disposta a puntare su Jordan creando una linea a lui dedicata.

“Mamma, non firmerò mai con Nike”, giurò un giovane Jordan alla signora Deloris, che saggia consigliò al figlio “di andare comunque ad ascoltare quello che i signori di Nike avevano da dire, anche se magari non gli sarebbe piaciuto”.

La storia delle Air Jordan e il contratto iniziale

1) Jordan avrebbe dovuto vincere il premio di Rookie dell’anno NBA;

2) sarebbe dovuto essere un All-Star (o aver segnato almeno 20 punti di media);

3) le vendite delle scarpe avrebbero dovuto toccare i 4 milioni di dollari nei primi tre anni.

La storia oggi è leggenda: 28.2 punti di media al suo primo anno nella lega, convocazione per l’All-Star Game e premio di matricola dell’anno.

Le Air Jordan e la vicenda “BANNED”, ecco la storia Air Jordan Sneaker

Come prima scarpa Michael non indossò le famose Air Jordan 1, quelle arrivarono qualche mese dopo.

Jordan fece il debutto nella Summer League con le Air Ship, disegnate da Peter Moore nel 1984. La storia di queste scarpe è condita con un velo di mistero.

Le Air Ship furono indossate da Jordan in più colorazioni, tra cui la famosa “Bred” ossia la colorazione nera e rossa. Hanno fatto la storia Air Jordan sneaker.

Questa particolare colorazione fu però “bannata” (da qui il titolo “Banned” a questa particolare colorway) dalla NBA perché non rispettava le regole stabilite dalla lega in materia.

Visto che non vi era presente del bianco, colore che una scarpa doveva avere al suo interno, la lega decise di multare Nike con una sanzione di 5mila dollari ogni volta che Jordan fosse sceso in campo con quelle scarpe.

E Nike cosa fece? Nike credeva nel giocatore e nel proprio prodotto quindi decise di pagare ogni singola multa, d’altronde erano tempi di cambiamento e chi se non quello che sarebbe diventato il giocatore più forte di tutti i tempi poteva rappresentarlo al meglio. Questa è la vera storia Air Jordan sneaker

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *